29
Dic
08

EAUTONTIMORUMENOS

Ti colpirò senza collera e senza odio, come un macellaio; come Mosè colpì la roccia: e farò sgorgare dalla tua palpebra le acque della sofferenza per dissetare il mio Sahara; il mio desiderio gonfio di speranza galleggerà sulle tue lagrime salate come un vascello che prende il largo; nel mio cuore che inebrieranno, i tuoi cari singhiozzi echeggeranno come un tamburo che batta la carica.

Non sono forse io un falso accordo nella divina sinfonia, grazie alla vorace Ironia che mi scuote e mi morde?

Essa è nella mia voce clamante!

Ed è tutto sangue mio, questo nero veleno!

Io sono il sinistro specchio in cui la megera si contempla.

Sono la piaga e il coltello, lo schiaffo e la guancia; sono le membra e la ruota, la vittima e il carnefice!

Sono il vampiro del mio cuore, uno di quei grandi derelitti condannati al riso eterno e incapaci di sorridere!

Oggi gira così.
Quindi non è che giri granchè bene.

Per la cronaca, estratto da “I fiori del male” di Charles Baudelaire.


10 Responses to “EAUTONTIMORUMENOS”


  1. 1 utente anonimo
    gennaio 4, 2009 alle 11:01 pm

    Io sto ascoltando Unintendet, dei Muse, e non credo di sentirmi meglio di Te.

    Tanti auguri per il natale appena passato e di un buon anno…

  2. gennaio 5, 2009 alle 1:31 pm

    Alti e bassi. Come in ogni cosa, caro Anonimo.

    Un giorno stai giù l’altro stai su.

    Certo aiuterebbe sforzarsi di guardare sempre il lato positivo delle cose (il famoso Brightside), ma è anche vero che, a volte perfino per pigrizia, in certe giornate è davvero impossibile.

    Una cosa è certa però: dopo un pò uno si stufa di quando “non gira bene”, e allora, per amore o per forza, ci prova e ci RIESCE a far “girar bene”, se non proprio tutto, almeno qualcosa.

    Buon anno anche a te ;)

  3. 3 utente anonimo
    gennaio 5, 2009 alle 4:36 pm

    Il problema principale è quando non gira per niente.
    Apatia, la tua vita che si spinge in avanti e tu che sei incapace di fermarla. O di farle cambiare direzione.
    Il famoso pilota automatico di “Jack fruciante è uscito dal gruppo”. Non vivere ma sopravvivere. E alla mia età non è per niente bello.
    Lo troverò il lato positivo?

    Prima devo trovare il lato.

  4. gennaio 5, 2009 alle 6:45 pm

    Retorica per retorica, il “lato” è quello contro cui hai sbattuto/stai sbattendo.

    Graffialo, mordilo, giraci attorno. Prendine le distanze per dargli un bel colpo d’occhio. Poi ingoialo.

    Mi ha colpito molto il fatto che tu dica “alla mia età non è per niente bello”. Mi ha colpito perchè presumo che tu ti riferisca al fatto che sei giovane (magari sbaglio).

    Secondo me, non c’è età più adatta per l’apatia e la depressione dei 20 anni. Crescendo si impara anche a mascherarla, per carità. Ma, a mio modesto avviso, crescendo una persona impara ad ingoiare talmente tanta merda (o depressione, o apatia), che andare avanti e farsi forza diventa solo naturale.

    “Bruce, sai perchè cadiamo?”
    “Per imparare a rialzarci.”

  5. 5 utente anonimo
    gennaio 5, 2009 alle 11:15 pm

    A 20 anni tu dovresti graffiare e mordere tutto quello che ti circonda, sei un leone giovane e forte che ha davanti a se tantissime possibilità.

    E se un giorno mi svegliassi rendendomi conto che quelle possibilità sono passate e non ne ho colta nessuna? E se mi rendessi conto troppo tardi che non è più tempo?

    Non so, non la classificherei come depressione. Più che altro come mancanza d’emozione, mancanza di vita. E per me, per il mio carattere, è brutto, brutttissimo vivere così.
    Non riesco a trovare motivi, felicità nelle cose che faccio, nei visi che mi circondano. Non vale la pena, tutto qui. Per niente, non ora. Non ho più forti emozioni da troppo tempo, non piango da altrettanto.

    Non sono me. E mi manco.

  6. gennaio 6, 2009 alle 12:10 am

    Avrei molto da ridire, ma me lo risparmio. Anche per rispetto tuo, ma soprattutto perchè qui, più che commentare un’esternazione su un Blog, stiamo chattando in due.

    Se ti va di continuare, il mio contatto msn è: tiamat77@hotmail.com . A me fa solo piacere, anche se la mia presenza sull’istant messaging di casa Microsoft è ultimamente piuttosto saltuaria.

  7. 7 utente anonimo
    gennaio 6, 2009 alle 8:36 am

    Io lo so il tuo contatto msn…ma tu mi hai bloccato :D se non lo trovi, è Ziggystardust86@hotmail.it

  8. gennaio 6, 2009 alle 9:27 am

    Come dire… sospettavo fossi tu ^^

    Anyway, non ti avevo bloccato. Ti avevo cancellato. Pensavo mi avessi bloccato tu, visto che non eri mai online.

    Diciamo che è stata una spiacevole incomprensione.

  9. 9 marcomocca
    gennaio 8, 2009 alle 2:04 am

    giusto per restare in tema…
    a me lo stato dell’apatia piace. probabilmente è ancora più grave, perchè non solo sono “malato” ma mi piace pure esserlo.
    ma infondo, deprimersi per quello che si è… non è deprimente?!

  10. gennaio 8, 2009 alle 2:11 am

    Ma una bella gita a MIRABILANDIA a far dispetti ai vecchi e ai bambini no eh?

    Stampate delle tessere del club dei “malati” che ne prendo una volentieri.

    Ciao Ragazzi btw :P

    Michele


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: