23
Mag
08

E se Gradius fosse stato un’avventura testuale?

Ok, il filmato è un pò triste.

Senza sonoro.

Senza immagini.

Solo testo bianco su sfondo nero.

Però l’effetto nostalgia è assicurato, soprattutto per chi avrà giocato, negli anni passati a delle avventure testuali, le stesse che mi hanno insegnato l’inglese. Talmente bene che, a lavoro, tutti si stupiscono che non abbia fatto una scuola di lingue, ma è un altro discorso.

Giusto per favorire la comprensione: le avventure testuali erano i videogiochi dei primissimi anni ’80, quando le schede grafiche erano una favola che si raccontava agli sviluppatori prima di mandarli a letto (“se non fai il bravo, viene la scheda grafica e ti porta via!”) e le tre dimensioni erano una leggenda solo sussurata. In pratica era come leggersi un libro game al computer, con l’illusione di poter attivamente impartire i comandi, scrivendoli su schermo, quando invece la gamma di azioni effettuabili era infatti molto limitata.

Ah, giusto per la cronaca, il videogioco trasformato in avventura testuale è questo:

Decisamente poco adatto alla conversione.


4 Responses to “E se Gradius fosse stato un’avventura testuale?”


  1. 1 Avvocato Taormina
    maggio 23, 2008 alle 12:49 pm

    Examine object XD

    Hai colpito dritto al cuore Tiamat XD

  2. 2 Noodle
    maggio 26, 2008 alle 12:12 am

    LOL mitico !
    cmq tu che sei esperto puoi levarmi sto dubbio,ma Par o dius del NES centra qualcosa con Gravius?? sono ugualissimi!

  3. 3 Avvocato Taormina
    maggio 26, 2008 alle 10:30 am

    Assolutamente si ^_^
    E’ uno spin off di Gradius (con la D), una sua geniale parodia ^_^.

    Il “Cannone Parolacce” era splendido XD uno dei miei giochi preferiti su Super Nes XD

  4. maggio 26, 2008 alle 8:23 pm

    Tutto in quel gioco era (ed è) fantastico. Una perla da gustare in ogni sua incarnazione. Dalla prima, dell’88 su MSX, all’ultima, fino alle più recenti incarnazioni in Sexy Pariodius, o addirittura in Paro Wars, dell’97; un improbabile strategico tridimensionale con le astronavi come protagonisti.

    Ma è da sempre la colonna sonora il pezzo forte della serie: una rivisitazione epica e moderna dei più caratteristici brani di musica classica.

    Prima o poi un post su Parodius ci scappa.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: