28
Mar
08

Donne e videogiochi

Il discorso meriterebbe un vasto approfondimento.

Dalla Fidanzata Fujiko che adora Viva Pinata e Guitar Hero, a Mamma Heidi che è rimasta affascinata dal DS e da Animal Crossing (senza però avere il coraggio di affrontare il videogioco vero e proprio), sono molti gli aneddoti che potrei raccontare.

Il fulcro del discorso, però, è che i videogiochi stanno letteralmente facendo la corte all’altra metà del cielo, tentandola con titoli appositamente studiati o addirittura scendendo a compromessi nella filosofia stessa di gioco. Nessuno infatti ha mai fatto mistero che Nintendo Wii sia pensata proprio per strizzare l’occhio ad un pubblico nuovo, prevalentemente composto da esponenti del gentil sesso.

Il condizionale in apertura non è però casuale. L’argomento MERITEREBBE approfondimento, ma non lo troverà in questo post. Forse in futuro ne riparlerò più diffusamente, tutto quello che mi permette l’umore (comprensibilmente) nero di oggi è una veloce segnalazione e una riflessione.

Il gioco (per Nintendo DS) che vedete nel filmato si chiama Love Revo ed è una sorta di simulatore di appuntamenti al contrario. Il giocatore non veste infatti i panni di un giovane maniaco con il solo obiettivo di rimorchiare un intero appartamento di giovani fanciulle (sì, esistono giochi di questo tipo). Piuttosto la protagonista è una giovane ragazza, decisa a far innamorare di se uno degli androgini fanciulli che ruotano attorno alla sua vita.

Ma c’è un particolare che rende Love Revo diverso dalla massa. L’alter ego digitale ha un piccolo problema di linea: pesa infatti più di 100 kg. Sarà compito del giocatore, attraverso una serie di minigiochi e di scelte oculate (manco a dirlo a riguardanti il corretto regime alimentare), farla rientrare nel suo peso forma, rendendola appetibile agli occhi dei giovanotti di cui sopra.

Ora, io capisco che la linea sia una delle ossessioni delle donne di ogni età. Ma, e mi rivolgo alle (poche) lettrici di queste pagine, c’era proprio bisogno di incentrare tutto un videogioco su questo tema? Voglio dire, non basta uno Zelda, o un Animal Crossing, finanche un Cooking Mama, per farvi videogiocare? Oppure sono i produttori di questo videogioco ad essere un pò “sopra le righe”?

Certo, il pubblico giapponese (Love Revo è edito solo in Nippolandia) è molto particolare, ma avrei sperato in visioni meno stereotipate dei videogiochi al femminile.

Nota di lettura del fumetto: la protagonista del videogioco “Cooking Mama” (in cui si devono eseguire ricette su Wii e Nintendo DS) suggerisce a Shigeru Miyamoto (geniale game designer Nintendo e leggenda del videogioco) tre nuove versioni del titolo. “Mamma dottore”, “Mamma istruita”, “Mamma dirigente”. La risposta è un bell’occhio nero e Mama di nuovo ai fornelli.

P.S. l’abitino dei Pokèmon, purtroppo è vero. E di un cattivo gusto feticista assolutamente assurdo.


10 Responses to “Donne e videogiochi”


  1. 1 Sheik
    marzo 29, 2008 alle 2:44 pm

    sono un po’ preoccupato.. mi piace sia Viva Pinata che Animal Crossing… come mai i giochi fatti per ragazza incontrano così tento i miei gusti?

    da domani proverò a giocare con CoD4 (-.- anche se non mi piace nemmeno un po’)

    Love Revo per mi sembra adorabile! non vedo molti stereotipi, innanzitutto perchè anche noi maschietti badiamo alla linea (non maniacalmente, ma 100Kg non sono uno scherzo) e poi perchè la vicenda del miglioramento estetico aggiunge nuove sfide e ostacoli al genere.
    la questione del peso mi sembra quella meno scabrosa tra le tante possibili…pensa sa avessimo dovuto aiutare la protagonista a farsi la ceretta…
    huuuum…si temo che mi debba preoccupare per i miei gusti.

    P.S. la striscia di Cooking Mama è molto lol…anche se Mya non è stato rappresentato in modo poco rassomigliante.

  2. 2 Checco
    marzo 29, 2008 alle 6:27 pm

    Andre, credo che più che altro i produttori di questo videogioco siano sopra le fighe

    comunque sono da poche ore diventato possessore del wii!!

    a presto

  3. 3 Fidanzata Fujiko
    marzo 29, 2008 alle 11:08 pm

    mi sono ehm…procurata Love Revo.
    Dopo Duel love, mi accingo a una nuova sfida in giapponese! Ce la farò? Spero di sì XD… Spero anche che abbia almeno la metà degli slot di salvataggio che ha Duel Love (20 °°)

    Sheik poi ti faccio sapere se è davvero carino come sembra X°D hahahaha

  4. marzo 30, 2008 alle 6:16 pm

    @ Sheik. Io non mi preoccuperei più di tanto. Alla fine sia Viva Pinata che Animal Crossing, sotto l’aspetto puccioso, nascondono delle meccaniche di gioco affascinanti. Il primo è un gestionale molto intricato, il secondo… un simulatore di casa di bambole.
    Ok, preoccupati.

    @ Checco. Complimenti per l’acquisto! Anche se il ritmo con cui Nintendo rilascia giochi degni di nota non è proprio esaltante… Per quanto riguarda l’essere sopra le fiche… non so, a me invece questo tipo di gioco fa molto “sfigato”.

    @ Fidanzata Fujiko. Prendila come una maniera alternativa per studiare il giapponese!

  5. 5 Sheik
    marzo 31, 2008 alle 11:20 pm

    -.- hem grazie, sai come dare una spinta nella fossa!
    però in realtà non è che prendo questi giochi per la loro meccaniche (ok anche per quello) il colpo di fulmine me lo da vedere personaggi puffettosi e coloratissimi (soprattutto il colore!). i giochi con la grafica fotorealistica per me partono già con un piede nella fossa (e difatti praticamente non ne gioco uno).

    ma no, non fa sfigato. la protagonista è sfigata ma noi la aiuteremo nel suo processo di infigaccionimento, come dire “c’è speranza per tutti!”.
    ma poi scusa i giocatori di VG sono già sfigati per antonomasia…quindi… tra simili ci si intende!

    per quanto riguarda il ritmo dei giochi degni del Wii, come fai a dire che non è esaltante? anzi come fai a dire che ha un ritmo?
    in più di un anno saranno usciti 3 bei giochi (di cui 2 sono conversioni) e un titolo accettabile.
    …questo non è un ritmo, è il vuoto più assoluto!
    il GC (che ritengo la console più noiosa della storia nintendo) dopo un anno aveva già il doppio dei titoli interessanti del wii!

    @ Fidanzata Fujiko, Duel love era quello che mi avevi fatto vedere il video qualche sera fa? quello non era carino! era un trionfo di scene ambigue per maniaci! da quello che ho visto io lo rititolerei Petting Practice!

  6. 6 Fidanzata Fujiko
    aprile 1, 2008 alle 4:57 pm

    @Tiamat: ** non puoi capire la soddisfazione di capire anche solo 10% di quello che si dicono o solo intuirlo MUAHAHAH **

    @Sheik: sì proprio quello XD…effettivamente ci starebbe bene il titolo Petting Practice.
    Comunque ho provato Love Revo ed è decisament più complicato da capire di Duel Love. (Il che è stimolante **) Intanto la mia protagonista è arrivata a 66kg in soli 3 GIORNI!!! poi ho fatto Game Over perchè non sono riuscita a fare amicizia con nessuno XD ma era solo la prima partita, considerando che con Duel Love ce ne sono volute per 5 per capire il funzionamento direi che i risultati ottenuti sono più che incoraggianti X°D

  7. aprile 1, 2008 alle 5:59 pm

    @ Fidanzata Fujiko. Io con i videogiochi c’ho imparato l’inglese, anzi, i’ve learned inglish (veri uell). E adesso in ufficio mi fanno i complimenti.

    @ Sheik. Hai ragione tu, più che ritmo sarebbe meglio parlare di carestia. Ma non mi sembrava bello scoraggiare così un neo utente.

  8. 8 Sheik
    aprile 2, 2008 alle 9:27 am

    ma che videogiochi hai giocato?
    io tutto quello che ho imparato sono frasi utilissime nella vita quotidiana…se hai mondi o principesse da salvare:
    It’s dangerous to go alone! Take this.
    XXX joins the party.
    Save the Princess!
    You found the Dungeon Map!
    Thank you, but our princess is in another castle…
    Oh, thank you for rescuing me, please escort me to the exit.

    …o ho giocato con i titoli sbagliati, o tu fai un lavoro molto particolare….

  9. 9 TiamaT
    aprile 2, 2008 alle 12:47 pm

    Credo che non ci siano troppi dubbi: faccio un lavoro strano io.

    Adesso scusami che devo andare a salvare una principessa!

  10. agosto 2, 2013 alle 4:58 am

    It’s great that you are getting thoughts from this article as well as from our discussion made at this time.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: