16
Mar
08

Compiti importanti

Il bello della società presso cui mi adopero come stagista è che al suo interno convivono due realtà separate e distinte, pensate per cooperare e completarsi ma che, molto spesso finiscono per crearsi non propri problemi.

Le due realtà sono a tutti gli effetti due aziende, ciascuna dotata, ovviamente di un capo distinto. Nessun supervisore o responsabile generale, ma due “boss”. Naturalmente, chi lavora nell’ufficio, a seconda della mansione dovrebbe rispondere solo ad uno di questi loschi figuri, ma il condizionale è d’obbligo. Sì, perchè nella condizione di sottoposto (ed ancor più di stagista) è dannatamente difficile dire di no ad una persona che potrebbe licenziarti o, nel mio caso, decidere di non assumerti proprio.

Fortunatamente, il fatto che il capo responsabile del mio, per così dire, reparto, abbia fissato la mia postazione pc proprio davanti alla sua ha fatto sì che io abbia avuto poco a che fare con il suo gemello malvagio. Fino a venerdì scorso.

Avendo ricevuto un’appropriata educazione (derivata dalla forza combinata di suore ostinate e dalla minaccia del battipanni di nonna Quasicentenaria), quando mi ritaglio una pausa caffè, generalmente mi offro di prepararlo anche per i miei quasi colleghi. Il caso ha voluto che in quel preciso istante, il secondo “capo” fosse fuori dal suo loculo e vicino alla mia postazione.

“E lei, lo vuole un caffè?”, domando con tono gentile.
“No.”
Silenzio. Mi guarda con occhi maliziosi in cui, se solo non fosse stata presente anche sua moglie (che stranamente lavora in amministrazione), avrei potuto leggere il desiderio non solo metaforico di mettermelo in quel posto.
“No, grazie. – aggiunge – Ma visto che sei in un momento di relativa calma, quando hai preso il caffè ce l’ho io un compito per te.”

Segue la pausa caffè più lunga della mia vita. L’esperienza mi ha infatti insegnato che in quel luogo di lavoro non esiste un limite alle mansioni a cui un povero stagista può essere adibito. Dal muratore, allo spazzino, al restauratore, nulla sembra essere troppo per chi invece dovrebbe semplicemente imparare un “banale” lavoro d’ufficio.

Raggiunto e superato abbondantemente il minutaggio ragionevole per una pausa caffè, esco rassegnato dalla cucina, pronto ad affrontare il mio destino.

“Ah, eccoti! Vieni nel mio ufficio che ti faccio vedere cosa mi devi fare.”


..
.

Ho dovuto cercare e scaricare l’inno dell’Unione Sportiva Livorno (la squadra di calcio che milita in Serie A), per poi impostarla come suoneria predefinita del suo Blackberry.


2 Responses to “Compiti importanti”


  1. 1 Sheik
    marzo 17, 2008 alle 12:30 am

    che ingenuo che sei a pensare che quello fosse un innocuo sguardo a sfondo sessuale, quello era molto di più: è lo sguardo di un oscuro predatore che scruta le crepe nell’animo della sua preda.
    e come vedi ha visto ciò che doveva vedere, il primo compito è sempre bello, è una passeggiata e quasi quasi ti convinci che poi non è tanto male…
    è li per far in modo che nella tua mente si insinui il pensiero che forse sarebbe stato meglio finire nel suo reame…ma sarà proprio quello il momento in cui partirà alla carica. buona fortuna.

    p.s. da come ne parli sembra quasi che il tuo attuale boss sia quello buono….eppure è quello che ti ha fatto fare di tutto e di più
    p.p.s. ah le suore! grande scuola di vita! è il posto in cui si impara (per sopravvivere) l’importanza di recitare nella vita e di saper scegliere di volta in volta una maschera che possa piacere al tuo pubblico.

  2. marzo 18, 2008 alle 7:51 pm

    Le suore sono state una palestra di vita, capace di rovinarmi come forse solo i videogiochi hanno saputo fare.

    Il mio capo non è quello buono, ma questo è di sicuro più malvagio e molto più viscido… il che è tutto dire.

    E comunque, mi basta rientrare in una giurisdizione: non ci tengo proprio ad avere una direzione bicefala.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: