11
Mar
08

Spot controversi

Titolo: “Retry”. (E magari disattiva il cheat per le vite infinite). Grazie a Fidanzata Fujiko per la segnalazione.

Non sono sicuro se questa pubblicità sia stata veramente utilizzata da Sony. So invece che è opera di un giovane studente di una scuola di Arti Applicate (il maiuscolo è -quasi- ironico). So anche che è pressapoco geniale, oltre che assolutamente macabra.

Fatto sta che in ogni caso non vedremo mai questo spot. La responsabilità di censurare o meno la foto è tutta del governo indiano. Cosa se ne facciano in India di PSP, con tutti i problemi che hanno, è una domanda che non trova, al momento, risposta.

Sony comunque non è nuova a messaggi promozionali controversi.

Il primo che mi viene in mente è l’inquietante spot “The Third Place” (per PS2), firmato nientepopòdimenochè da David Lynch. Personalmente a me Lynch non piace (lo ritengo poco più che un pazzo esaurito, dotato di un vago senso artistico di dubbio gusto), però, anche solo per completezza (e per assolvere ad una sorta di autoimposto dovere cinematografico), segnalo i suoi “Corti”, Mullholland Dr. e Dune. L’ultimo più che altro per affetto all’opera letteraria da cui è tratto.

Ecco a voi lo spot di Lynch:

Se qualcuno capisce cosa diavolo c’entri con Playstation 2, è pregato di comunicarmelo: sono almeno otto anni che tento di arrivare all’illuminazione.

Chiudo il post con un manifesto censurato, per volere (e come dubitarne?) dei cattolici. La pressione esercitata da Famiglia Cristiana, convinse infatti tra anni fa Sony Italia a ritirare questo manifesto che, con lo slogan “DIECI ANNI DI PASSIONE”, festeggiava i dieci anni di successo, sempre di Playstation 2.


10 Responses to “Spot controversi”


  1. 1 Sheik
    marzo 12, 2008 alle 2:06 pm

    io non ho capito perchè il ragazzo è indiano…andava bene chiunque, no?

    ma cosa dici?! povero Lynch aveva fatto una pubblicità così bella e tu l’hai stroncata!
    ti chiedi cosa rappresenti? be quella è il third place!
    cosa centri lo slogan third place con la ps2… non lo so (ma questo non dipende da Lynch) so però che purtroppo non c’erano molti nessi tra la pubblicità e la console….se avessero adeguato la console alla pubblicità sarebbe stata più bella!

    perchè scusa la pubblicità “This is Living” per il lancio della ps3 (che era decisamente meno strana) con quella locanda pseudo californiana, cosa centrava?

    almeno la nuova ( http://it.youtube.com/watch?v=v8CKdFRiYh0 ) non puoi dire che è brutta… questa parla di PS3 ed è anche stupenda!

  2. marzo 12, 2008 alle 7:01 pm

    Andando con ordine.

    Suppongo che il ragazzo sia indiano perchè lo spot è rivolto a quel mercato, oppure opera di uno studente indiano di un istituto d’arte. Non è ben chiaro se lo spot è ufficiale o una proposta.

    Mi spiace aver dato l’impressione di aver stroncato la pubblicità. Io volevo stroncare Lynch in toto. Ad ogni modo son semplicemente gusti. Personalmente, come detto, trovo che abbia un senso artistico eccessivamente macabro e deviato. Ma se a te piace…

    La pubblicità “This is Living” non ci combina una benemerita cippa con la console, ed in effetti non sarebbe stato sbagliato citarla.

    Quella nuova, secondo me c’entra ancora meno. Conoscendoti, però, non dubitavo ti sarebbe piaciuta.

    Fossi un dirigente Sony, licenzierei in massa tutto il reparto marketing, e probabilmente farei la più grossa stron*ata della mia vita.

  3. 3 Sheik
    marzo 13, 2008 alle 12:01 am

    è fatta per il mercato indiano e quindi mettono un indiano? se fosse stata fatta per quello francese il tipo avrebbe una Baguette sotto braccio?
    potevano ficcarci qualcuno più neutro ed avere meno problemi…anche se confesso che l’idea di andare in giro per una città dove dai muri troneggiano cartelloni di tipi sminuzzati non rientra nel mio ideale di città perfetta. Forse questa con tutti quei corpi stagliuzzati è fin troppo esplicita, ricordo di aver fissato a lungo la pubblicità di Toscani dei divani rare convinto che non potesse essere quello che sembrava, che ero io il malizioso e che c’era per forza un altro significato … e alla fine l’hanno censurata… questa che è così esplicita la sua sorte è abbastanza scontata.

    riguardo all’attinenza delle altre pubblicità, c’è da considerare che le console non sono nulla: sono delle scatole capaci di rendere realtà i giochi, ma senza giochi restano poco più che una scatola.
    per una console appena nata non è facile sapere che tipo di giochi avrà e dove la porteranno…magari si distanzierà molto dai titoli del lancio, non avrebbe senso (e lo dico per Nintendo che sarebbe ora di togliere gli spot di WiiSports) associare una conosole a un gioco che magari alla fine non sarà nemmeno troppo rappresentativo del catalogo.

    dunque sarebbe difficile fare una pubblicità pertinente, e dato che trenta secondi di inquadrature della macchina e relativo snocciolamento di dati sarebbe deleterio, la pubblicità per una console, come quella dei profumi, punta a trasmettere un idea, uno stato d’animo, delle sensazioni…
    Third Place ci parla di un mondo onirico, inquietante, cupo di certo non infantile, non un “artiglia la potenza” per avere l’appeal anche di un pubblico più maturo.
    stessa cosa per la This is Living con immagini di sesso e una realtà un po’ sciatta, decadente che ammicca anche all’uso di sostanze stupefacenti fa molta presa sui teenager in cerca di facili trasgressioni.
    la seconda This is Living non so….credo che l’abbiano fatta su misura per me…di più non so dire.

  4. 4 Avvocato Taormina
    marzo 13, 2008 alle 8:51 am

    Quoto il giudizio su Lynch… Mullholland Drive mi ha fatto odiare il lettore DVD -___-
    Sulla qualità dei messaggi pubblicitari Sony beh…lo sai che la penso come te: sono anni che attendo l’avvento di una mietitrice che faccia piazza pulita di PR dalla bocca larga e pubblicitari che vogliono imporre le console come beni di lusso quali un BMW X5 o un profumo da donna (perchè lo scopo di quelle pubblicità è semplicemente scorporare la console dal concetto di “gioco” e farla accettare come “bene” – accedendo quindi ad una fascia di utenza ben differente – Non sono boiate che mi invento :) ho seguito un seminario sull’argomento :) ).

    P.S. E’ vero, in India milioni di persone muoiono di fame… ma sono sempre di meno… e nel contempo ci sono milioni di “nuovi ricchi” che comprano, comprano, comprano… automobili, motocicli, beni di consumo stranieri ed ovviamente videogiochi… molti di più di noi “hardcore gamers” :) quindi di pubblicità per quel mercato tra un po’ ne vedrai di più da loro che da noi… anzi… tra qualche anno saremo ancor più “ultima ruota del carro” nel mercato videoludico ;)

  5. 5 Sheik
    marzo 13, 2008 alle 12:08 pm

    “accedendo quindi ad una fascia di utenza ben differente”
    quello che dici è verissimo ma lo scopo di una pubblicità non è proprio quello di persuadere all’acquisto persone che di loro non l’avrebbero presa? non avrebbe troppo senso andare a mirare a quei consumatori che la comprerebbero indipendentemente da subito, sarebbe solo uno spreco di denaro.
    e poi le console sono un bene di lusso innanzi tutto perchè non servono a nulla di utile (quindi se muori di fame o non hai un tetto sulla testa questa è l’ultimo dei tuoi pensieri) e poi perchè, parlando di PS3, ha un costo davvero non indifferente e in qualche modo devono pur distrarti dal fatto che stai per spendere 500€ solo per giocare (no nemmeno per giocare ma per la cosa che ti darà accesso ai giochi)

  6. 6 Avvocato Taormina
    marzo 13, 2008 alle 3:22 pm

    Mah, la pubblicità ha uno scopo che viene prefissato di volta in volta; ci sono spot che mirano al pubblico consueto (quelli di X360 per esempio) altri che puntano ad una nuova utenza offrendo immagini che incuriosiscono prima e poi, magari solo in parte, sono legate al prodotto da pubblicizzare. Di spot Sony capaci di galvanizzare l’utenza consueta se ne sono visti parecchi ed anche piuttosto belli, ma probabilmente Sony vuole promuovere PS3 come macchina da intrattenimento completo (Blu Ray, Internet, multimedialità ecc..) colpendo le persone con le immagini forti che incuriosiscono e non con il prodotto (giusto o sbagliato che sia il metodo… va bene colpire… ma confondere pure…).

    P.S. Lo spot di Gears of War secondo me è il miglior esempio di pubblicità di videogioco capace di attrarre anche nuove utenze. Ma l’avete visto quello spot al cinema? Spettacolo puro! Lo vidi l’anno in cui uscì il gioco (2006?)… La ragazza seduta al mio fianco mi disse:”Quando esce lo vado a vedere subito questo film!” Le ho detto con innocenza che era un videogame… e lei (nemica dichiarata dei joypad) mi ha risposto:”Lo prendi vero? No, perchè sono curiosa…” :o

  7. 7 Sheik
    marzo 13, 2008 alle 5:04 pm

    condivido, Gears of War era un ottima pubblicità, per un videogioco. questa in vece è una console, non hai nulla di concreto da mostrare. non credo che mostrare il menù iniziale con un sottofondo musicale (per quanto bello) possa colpire qualcuno.

    gli spot per galvanizzare l’utenza consueta di solito sony li fa passare quando siamo oltre la metà del ciclo vitale della console, una sorta di memo del perchè abbiamo deciso di prenderla e del perchè dovremmo continuare a restare con lei anche in futuro.
    Third Place e This is Living sono invece campagne per promuovere una neonata e qui lo scopo più che persuadere il giocatore che lo ha già prenotata da 7 mesi e quello di conquistare la fiducia degli indecisi e mentre c’è colpire alcuni settori del pubblico ritenuti floridi (sembra una campagna elettorale) in modo da venderne il maggior numero possibile.

    non farei paragoni con le pubblicità X-box perchè se la memoria non mi inganna loro si sono sempre limitati a pubblicizzare i giochi e non le console (cosa che secondo me ha più un senso, ma solo a livello teorico).
    Sony non produce giochi (o meglio lo fa ma in modo davvero limitato rispetto alla concorrenza), produce console, la grossa parte delle sue entrate c’è l’ha sulla vendita delle console quindi è normale che decida di sponsorizzarle (esattamente come fa per uno stereo o per un televisore)
    la ps3 ha effettivamente poco a che fare con i videogiochi, è più che altro un misto tra un pc e un centro multimediale, e il più economico lettore di blu-ray sul mercato (ricordo che i blu-ray sono di fatto il legittimi successori del dvd) è ovvio quindi che la pubblicizzino come macchina da intrattenimento completo, l’hanno già costruita con questo scopo!

    sul fatto che cerchino di colpire con immagini forti e non con il prodotto anche qui mi pare una scelta obbligata: mostrare trenta secondi del fustino Dash nero lucido non ci direbbe molto, già solo perchè ha un design abbastanza insignificante, ma poi non ci direbbe nulla su quello che sa fare; mostrare un saggio delle sue potenzialità anche questo non ha senso, innanzi tutto perchè i primi giochi che escono non sfruttano mai al massimo la console e in secondo luogo perchè praticamente non ci sono canali televisivi che trasmettono in alta risoluzione (a parte alcuni appositi canali di Sky) e quindi non se ne potrebbe apprezzare l’accuratezza dell’immagine; resterebbe elencare le caratteristiche…ma una pubblicità deve colpire, non annoiare. alla fine la scelta di vendere un concetto non è una scelta assurda, forse si potrebbe scegliere qualche altro tema…ma dato che sembra dare i suoi frutti….

  8. marzo 13, 2008 alle 7:07 pm

    /me prende bibite e pop corn e si gode Sheik e l’Avvocato che discutono.

    Mi piace molto la discussione che è venuta fuori.

    Qualche appunto, a margine.

    1 – non è vero che Sony produce meno videogiochi di Microsoft, anzi, direi tutto il contrario, ma è più una mia sensazione a pelle.

    2 – non è vero che Microsoft non ha mai pubblicizzato la console. Di esempi ce ne sono eccome (lo slogan era “Jump in”) e la casa di Redmond vinse svariati premi proprio per alcuni di quelli spot.

    3 – ritengo che si possa promuovere una console (ed i suoi servizi) in maniera enormemente meno volgare e più attinente. Eh sì, ritengo questi spot volgari (volutamente, per carità).

    Per il resto, buona discussione!

  9. 9 Sheik
    marzo 14, 2008 alle 12:13 am

    1 direi che sony punti molto sui second-party (vedi caso Media Molecule) ma che di persona non produca moltissimo (o forse si perdono a confronto dei tittoli prodotti dalle seconde e terze parti) e tra l’altro non mi pare che creda molto nelle proprie produzioni.
    2 l’avevo detto “se la memoria non mi inganna”… hai ragione ricordo una qualche schifezza con una zanzara che succhia il sangue….
    3 sul meno volgare siamo d’accordo…sul più attinente bho forse
    però non puoi dire che This is Living nuova versione sia volgare, magari poco attinente (anche se tutto sommato non mi sembra) ma volgare proprio no.
    in ogni caso se ti vuoi rivolgere ad un pubblico volgare non avrebbe molto senso essere finotti…ti pare?
    e poi non sono tutte volgari…dai Mountain era un po’ forzosa con il significato…ma non volgare (http://it.youtube.com/watch?v=vuzHSKvGisc )

  10. 10 Avvocato Taormina
    marzo 14, 2008 alle 8:40 am

    “3 – ritengo che si possa promuovere una console (ed i suoi servizi) in maniera enormemente meno volgare e più attinente. Eh sì, ritengo questi spot volgari (volutamente, per carità).”

    Più che d’accordo. Finora non ho mai discusso sui “miei gusti” pubblicitari (che in questo periodo vanno a Microsoft… spendesse un po’ di più in alimentatori anzichè in pubblicità… ma alla prova dei fatti hanno avuto ragione loro :( ). Ho semplicemente provato ad “analizzare” il motivo di certe tipologie di spot pubblicitari. Giusto? Sbagliato? L’interpretazione è troppo personale.

    Io son un vecchietto che crede ancora che la miglior pubblicità di un videogame sia rimasta :”Can a Tabloid reporter, two Yale Codes and a stale loaf of french bread save the world from a Galactic Conspirancy? Not without your help…” (Cit.)


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: