18
Feb
08

CloverField (cinema a rate)

Nonostante il clamore mediatico che circonda il film (almeno così mi dicono), sono riuscito ad entrare in sala insieme alla Fidanzata Fujiko senza sapere della trama nulla più della sinossi del multisala. Ovviamente la mia immarcescibile partner non ha mancato di documentarsi sulle varie wiki, in modo da sapere anche quanti peli avevano i protagonisti sul culo, ma a lei i film piace vederli così: crogiolandosi nella consapevolezza di come andrà a finire. Per sua fortuna è riuscita a mantenere il silenzio per tutta la durata della pellicola.

Ero talmente ignaro di cosa mi aspettava che, quando ho visto la piccola sagoma del “Bad Robot” sfrecciare sullo schermo ho quasi gioito. Non posso dirmi un gran cultore di Lost, ma quel poco che ne ho visto era riuscito ad intrigarmi. Certo, il fatto di non essere mai andato oltre la prima serie, a detta di molti (tutti) può aver contribuito a lasciare in me un buon ricordo degli autori, ma alla fine il film sembrava cominciare sotto buoni auspici.

Salterò direttamente alle conclusioni: Cloverfield è una cagata pazzesca (e qui, non starebbe male l’applauso da 15 minuti tributato a Fantozzi dopo la proiezione de “La corazzata Potemkin”). Quello che mi lascia perplesso è il leggere recensioni al limite dell’entusiastico per tutta la rete.

Per chi, come me, è rimasto immune dalla massiccia operazione di marketing che circonda la pellicola, dirò soltanto che il film è completamente ripreso con una steady cam amatoriale (una comunissima handycam, insomma) e vede l’arrivo di uno (o più) mostri colossali nell’isola di Manhattan. Una sorta di ibrido tra il primo Blair Witch Project e Godzilla (quello hollywodiano). Dal mio punto di vista, sperare che dall’incrocio tra questi due “capolavori” possa uscire qualcosa di buono è un pò come accoppiare un carlino con un chihuahua e sperare che nasca un cane bello. Non sono un esperto veterinario, ma son sicuro che, per quanto simpatico, il Carlahua (o il Cirlino) ha discrete probabilità di essere brutto come la morte.

Ad una pessima idea di base si aggiunge la totale mancanza di trama, di verve, di intreccio, di mistero, di tutto quello che (nel bene o nel male) ha fatto la fortuna di Lost. Lo spessore dei personaggi ha le proporzioni di una carta velina e alla fine le poche cose che si salvano sono gli effetti speciali comunque sacrificati (e probabilmente anche aiutati) dalla natura amatoriale delle riprese. E credetemi, se Blair Witch Project vi ha provocato conati di vomito, farete meglio a giungere digiuni alla proiezione di Cloverfield.

Insomma, la creatura arriva, distrugge e devasta, senza nessun movente, senza l’ombra di un background più o meno orrorifico o misterioso. Figurarsi che, data l’impossibilità di confrontare direttamente dei miseri umani con un ciclope di più di 100 metri di altezza, gli sceneggiatori hanno ben pensato di “dotarlo” di una folta schiera di aracnidi parassiti (o figliocci che dir si voglia) recapitati per le strade di New York con l’unico intento di inserire qualche scena “alla Aliens” nel film. Ma il peggio del peggio lo si raggiunge solo leggendo i siti degli appassionati, che invocano un seguito, o un collegamento con la sacra serie di lost, in virtù di due piccoli particolari. All’inizio della pellicola il nastro (recuperato dai militari e coperto da segreto) è marcato con un codice, che altro non è che la famigerata sequenza numerica di Lost. Alla termine del film, invece, in una sorta di flashback, si intravede uno strano oggetto precipitare nell’oceano.

Come a dire: “state tranquilli: la trama c’è, solo che preferiamo svelarvela in un altro film…”

Con un piccolo dettaglio: io ho pagato 7,50 euro interi, per vedere un film intero, non la RATA di una storia.


1 Response to “CloverField (cinema a rate)”



Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: